Tutti gli animali sono diversi, ma alcuni sono piu’ diversi degli altri: i polpi

macro-occhio-polpo.jpg

Chi osserva chi? Foto da www.mondosub.com

Non e’ mai capitato prima su questo blog di avere necessita’ di scrivere due post sullo stesso gruppo di animali. Ci pero’ sono animali cosi’ strani che meritano un posto d’onore in un blog dedicato agli animali strani. Mi riferisco naturalmente ai polpi.

Nel post precedente si e’ discusso dell’incredibile e fuori posto intelligenza di questi animali. Mi dedichero’ adesso ad alzare il mantello e sbirciare al di sotto di esso la biologia “aliena” di queste creature dotate di capacita’ e caratteristiche straordinarie: possono cambiare colore piu’ rapidamete di un camaleonte, modificare consistenza e forma corporea, passare attraverso fori minuscoli, spruzzare inchiostro, hanno tre cuori e il sangue blu, una spinta a razzo motore, si trovano in qualunque mare a quasi qualunque profondita’, hanno una vista eccellente che rivaleggia con quella dei mammiferi. I polpi possono fare tutto questo e anche di piu’, se vogliono. Il motivo per cui non hanno conquistato la terra? Continuate a leggere.

Tutte le circa 150-200 specie note di polpi hanno lo stesso piano di base caratterizzato da otto tentacoli con due file di ventose cascuno, due occhi globosi e un sacco dei visceri. Tra i tentacoli puo’ esserci o meno una membrana a seconda della specie, e al centro in posizione ventrale c’e’ un becco corneo con funzione di bocca. Non vi e’ alcuna altra parte dura nel corpo ad eccezione di un residuo vestigiale di conchiglia, interno al sacco dei visceri, e di una “scatola cranica” cartilaginea, un sottile scudo che protegge il grande cervello dorsalmente.

Non e’ chiaro come mai gli ottopodi abbiano perso la protezione della conchiglia originale. Nel nautili, uno dei primi gruppi di cefalopodi moderni apparsi tra l’Ordoviciano e il siluriano, cosi’ come nelle successive ammoniti e belemniti ora estinte (si estinsero per la stessa catastrofe che spazzo’ via i dinosauri alla fine del Cretacico), la conchiglia a spirale organizzata in camere serviva non solo per la protezione del corpo molle, ma anche come galleggiante: variando la quantita’ di aria all’interno questi animali potevano nuotare a qualunque profondita’ e spostarsi rapidamente usando il sifone come motore e la conchiglia come vela. Ciononostante, una conchiglia ingombrante presenta degli svantaggi: impedisce, ad esempio, di occupare delle nicchie ecologiche in cui e’ richiesto un corpo esile e flessibile, come le fessure del fondo, e rende scarsa la manovrabilita’. La propulsione a getto funziona facendo entrare acqua nella cavita’ del mantello ed espellendola con una forte contrazione muscolare dal sifone. Se si ha una conchiglia non idrodinamica, pero’, il sistema presenta qualche problema, soprattutto se si vuole rivaleggiare in velocita’ coi pesci perche’ si e’ carnivori. Si noti che i polpi non discendono dalle ammoniti, essendosi evoluti parallelamente ad esse, quindi entrambi i modelli con e senza conchiglia sono stati funzionali contemporaneamente per centinaia di milioni di anni.

ammonite.jpg

Ricostruzione di un’ammonite. Immagine da: www.edicolaweb.net

Dopo tutto questo sfoggio di fisiologia e paleontologia, ancora non abbiamo capito bene perche’ i polpi hanno perso la conchiglia.

Al dunque, ci sono tre ipotesi:

1. La prima e’ che i polpi primitivi, nel Giurassico, abitavano in acque profonde. Qui una conchiglia che si riempie d’aria sarebbe stata inutile perche’ non c’e’ abbastanza aria per riempirla, e in ogni caso la pressione dell’acqua l’avrebbe schiacciata. I Nautili non a caso vivono relativamente in superficie, non piu’ giu’ di 500 m: oltre questa profondita’ la conchiglia implode, povere bestie. I polpi spesso vivono in acque molto piu’ profonde di queste.

2. la seconda ipotesi e’ che i polpi, nel corso della loro evoluzione, passarono attraverso una fase bentonica in acque basse, ovvero erano strettamente legati ai fondali costieri (e molte specie lo sono tutt’ora, come il nostro polpo comune del Mediterraneo). Al fondo una conchiglia rappresenta piu’ un ostacolo che un’agevolazione, perche’ impedisce di insinuarsi nelle fessure, soprattutto in animali che camminano anziche’ nuotare attivamente (anche i pesci di fondo, ad esempio, hanno una vescica natatoria ridotta)

3. Una conchiglia piena d’aria e’ come un’insegna al neon con la scritta “Mangiami” per animali in grado di ecolocare come i delfini. Ok, nel Mesozoico non c’erano delfini, ma nell’Eocene si, e dopo l’Eocene il declino dei cefalopodi con la conchiglia si e’ di molto accelerato.

Non sappiamo se i polpi primitivi si evolsero come animali di superficie o di acque profonde. Le analisi del DNA e la comparazione coi polpi piu’ primitivi fanno pensare ad un’evoluzione in profondita’, ma gli occhi enormi e la capacita’ di cambiare colore fanno pensare ad un ambiente di superficie. Purtroppo abbiamo poche speranze di trovare resti fossili -in mare- di un animale con solo parti molli, quindi probabilmente ci dovremo tenere per sempre il dubbio del perche’ i polpi hanno perso la conchiglia.

L’aver perduto la conchiglia ha in ogni caso favorito questi predatori conferendogli destrezza, manovrabilita’ e velocita’. La velocita’ tuttavia ha costi molto alti a cui il primitivo modello corporeo dei cefalopodi non poteva far fronte se non modificandosi pesantemente, come di fatto e’ successo. Cominciamo col sangue. Noi vertebrati usiamo l’emoglobina e la mioglobina per trasportare l’ossigeno ai muscoli, ovvero molecole fatte di proteine e un atomo d ferro. Il ferro acchiappa l’ossigeno se ce n’e’ in abbondanza (nei polmoni) e lo rilascia se scarseggia, come accade nei muscoli in attivita’, ma la molecola e’ specializzata a funzionare in modo ottimale solo ad elevate concentrazioni di ossigeno, e gia’ i delfini e i feti hanno i loro bravi problemi. I cefalopodi, animali di profondita’, nell’emoglobina anziche’ il ferro hanno un atomo di rame, e la molecola si chiama emocianina. L’emocianina da’ al sangue un bel colore blu ed e’ disciolta nel plasma anziche’ essere legata a cellule particolari (se le avessero, immagino si chiamerebbero globuli azzurri). Questa molecola e’ molto piu’ efficiente dell’emoglobina nel trasportare l’ossigeno se la quantita’ iniziale di ossigeno e’ scarsa, come accade in acque profonde, ma nel complesso non e’ particolarmente efficiente, e quindi i polpi hanno sempre problemi di approvvigionamento di ossigeno ai tessuti, ossigeno richiesto per nuotare velocemente con la locomozione a getto. Si sono dovuti quindi inventare altri due cuori, oltre al principale, che pompano il sangue verso le branchie in modo da accelerare il ricambio. Gia’ che c’erano hanno anche rinunciato a due delle quattro branchie per ottimizzare il sistema. Insomma, come trasformare una Renault 5 del 1984 che va ad 80 km orari in un’automobile da Grand Prix modificando il motore ma conservando grosso modo la carrozzeria: le modifiche si notano per la loro stranezza.

Risolto il problema della velocita’, che e’ utile per andare a caccia, rimane il grande problema esistenziale di questi animali: sono buoni da mangiare. Per sfuggire ai numerosi predatori, uomo incluso, i polpi hanno inventato un’infinita’ di sistemi, a quanto pare non sempre efficienti visto che l’insalata di polpo compare spesso nel menu’ dei ristoranti.

Cominciamo dalla fine, da quando non c’e’ piu’ speranza e avete l’ingrediente principale della vostra insalata di polpo in mano: tutti i polpi mordono con il becco corneo della bocca e come i ragni sono velenosi. In genere si tratta di un enzima proteolitico che viene iniettato col morso indolore e la cui efficacia su di noi dipende dalla specie: si va dal solo dolore per il morso, alla necrosi dei tessuti, fino alla morte causata da due specie di polpo australiano (Hapalochlaena lunulata e Hapalochlaena maculosa), o polpi dagli anelli blu, per cui non ci sono antidoti: oltre all’enzima proteolitico, poco efficace sugli umani, questo polpo inocula con la saliva lo stesso veleno del pesce palla, la tetrodotossina, uno dei veleni neurotossici piu’ potenti al mondo (causa paralisi completa in pochi minuti). Negli altri casi pare che versare acqua bollente sul morso aiuti perche’ denatura la tossina.

blueringed.jpg

Polpo dagli anelli blu, il cefalopode piu’ velenoso esistente. Foto: techhouse.brown.edu/

Se la cena vi e’ sfuggita per un pelo, e’ molto probabile che per scoraggiare l’inseguimento il polpo utilizzi una copertura: quasi tutte le specie, ad eccezione di quelle di profondita’, spruzzano inchiostro contenuto in un’apposita sacca posta sotto il mantello per accecare e confondere il predatore, in modo da avere la fuga coperta. Questo inchiostro e’ a base di melanina concentrata, lo stesso pigmento che colora la pelle e i capelli di noi umani, ed e’ di colore rosso (che appare nero in acqua) o bruno. Oltre alla melanina, l’inchiostro contiene tirosinasi, un enzima che irrita gli occhi dei predatori e ne inibisce temporaneamente l’odorato.

Se il polpo si sente braccato, state pur certi che non lo vedrete. Qui non si parla solo di mimetismo usando i colori, ma di cambiare tutto l’assetto corporeo. Un marine che entra in una foresta, oltre alla mimetica si premunisce di foglie sull’elmetto e cammina in un certo modo per non dare nell’occhio, insomma associa il puro mimetismo con un comportamento adeguato. Il polpo fa molto di piu': oltre a cambiare i colori con un meccanismo cosi’ incredibile che nessuno scrittore di fantascienza lo userebbe mai per paura di spararla troppo grossa, modella il proprio corpo in modo da assumere anche la forma dello sfondo: mima le asperita’ delle rocce coi tentacoli e si “fonde” con esse tanto come forma che come colore. Se non e’ sufficiente, espande delle papille sottocutanee che lo rendono piu’ “ruvido” per mimare meglio la sabbia del fondo”. Se non basta, si ricopre di alghe e sassetti come tocco finale dell’artista. Se non basta ancora, tutto sommato l’insalata di polpo ce la meritiamo.

Dicevamo, dunque, che il polpo cambia colore. Come? Il meccanismo e’ pazzesco. Sulla epidermide di tutta la superficie del corpo ci sono cellule specializzate, i cromatofori, che sono sacchetti contenti granuli di pigmento colorato circondate da muscoli a forma di anello intorno al sacco. Il meccanismo e’ sotto diretto controllo del cervello (uno dei motivi per cui i polpi hanno bisogno di un cervello cosi’ grande e’ dover controllare qualcosa come 2.000.000 di cromatofori in modo indpendente l’uno dall’altro). Se arriva l’impulso, i muscoli si contraggono e cio’ espande il cromatoforo, mettendo in mostra i granuli; quando i muscoli si rilassano il sacchetto si rimpicciolisce e i granuli diventano meno visibili. L’effetto e’ quello di una goccia di inchiostro su un elastico: quando l’elastico non e’ teso il colore e’ concentrato in un punto e qundi meno visibile nel complesso; quando l’elastico viene tirato il colore si espande su una superficie maggiore e diventa piu’ evidente. Ci sono inoltre due tipi di cromatofori, uno con granuli dal rosso al nero e un altro con granuli dal rosso al giallo chiaro (posseduti entrambi pero’ solo dai polpi che vivono in acque basse) per ottenere tutte le possibili sfumature, contraendo piu’ o meno questo o quel cromatoforo. Come se cio’ non bastasse, al di sotto dei cromatofori ci sono gli iridiociti, che sono cellule in grado di riflettere la luce, in genere nelle tonalita’ verde e blu a seconda di come vengono contratti. Un polpo e’ in gado di cambiare completamente il colore della cute in meno di un secondo. Impressionante. Cosa curiosa, c’e’ un tipo di polpo cieco che e’ ancora in grado di cambiare colore mimetizzandosi con lo sfondo. Come faccia, e’ un mistero. C’e’ sicuramente qualcosa che non abbiamo capito, anche perche’ pare che i polpi vedano in bianco e nero!

octopus_oct1.jpg

I polpi sono campioni di mimetismo. Foto: David Scheel ©1998 da: www.nurp.noaa.gov

Il cambiamento di colore non e’ associato solo alla difesa o alla predazione, ma anche all’umore, alla paura e al corteggiamento. E questo ci introduce lentamente verso la nota dolente di tutta la storia, ma andiamo con ordine.

Che i polpi abbiano otto braccia e’ cosa risaputa. Su ognuno dei tentacoli ci sono ventralmente due file di ventose che consentono al polpo, coadiuvate da uncini, tanto di aggrapparsi al fondale quanto di afferrare e manipolare oggetti. Su ogni tentacolo ci sono circa 240 ventose e 240 x 8=1920, cioe’ ogni polpo ha circa 2000 ventose. E’ stato calcolato che una ventosa di 2 cm richiede un peso di 170 g per lasciare la presa, quindi un polpo che aderisse con tutte le 2000 ventose avrebbe bisogno di una forza di oltre 300 kg per essere staccato dal fondo. A ciascuna ventosa di ciascun tentacolo sono associati retettori tattili e chimici (gustativi), da 10 a 1000 volte piu’ sensibili dei nostri, il che consente al polpo di avere una percezione finissima del mondo che lo circonda, che unite a una vista eccellente spiegano sia la necessita’ del cervello grande per elaborare tutti questi input sia come mai i polpi sono cosi’ bravi a evitare predatori e trovare prede.

I tentacoli tuttavia non sono tutti uguali. Uno dei tentacoli, il terzo a destra, e’ specializzato come organo sessuale ed e’ detto ectocotilo. L’ectocotilo ha un canale nel mezzo per tutta la sua lunghezza per trasportare la spermatofora e termina a cucchiaio. Ha anche delle papille piu’ piccole, suppongo perche’ alla femmina non piace il modello “stimolante per lei”.

hectocotylus.jpg

Struttura dell’ectocotilo di calamaro. Da Wikipedia

Quando la femmina entra in estro, rilascia feromoni nell’acqua che da un lato attirano il maschio, dall’altro ne sopprimono gli istinti cannibali, visto che la femmina e’ piu’ piccola, in genere. Nel polpo comune durante il corteggiamento il maschio e la femmina rimangono a distanza di sicurezza mentre lui l’accarezza delicatamente con la punta dell’ectocotilo e si assicura che non ci siano rivali nei paraggi. Inserisce quindi l’ectocotilo nella cavita’ del mantello della femmina ei due rimangono in questa posizione per circa un’ora, con l’aria di due scolaretti che si tengono per mano. Un’ora e’ il tempo necessario alla spermatofora per viaggiare lungo il canale centrale dell’ectocotilo fino a raggiungere la femmina. Dopodiche’ i due partner si separano e non si incontreranno mai piu’, dato che moriranno entro poco tempo, smettendo di nutrirsi. Lo stesso maschio comunque puo’ fertilizzare piu’ femmine prima di morire.

La femmina dal canto suo torna nella sua bella tana dall’entrata decorata di gusci, sassi e conchiglie. Le uova verranno fertilizzate di li a poco dagli spermi rilasciati dalla spermatofora quando queste escono degli ovidotti. Con tenerezza materna l’animale, che ha smesso per sempre di mangiare durante il corteggiamento, le appende in festoni al soffitto della tana nell’arco di un paio di settimane, legate da un peduncolo. Dopo di che se ne prende cura fino alla schiusa tenendole pulite e ventilandole, e soffiandoci su col sifone acqua pulita. Le uova dal canto loro, in numero variabile da poche centinaia a 100.000 a seconda della specie, hanno una notevole quantita’ di tuorlo, che serve a sviluppare nell’arco di una cinquantina di giorni gli embrioni in adulti in miniatura senza forme larvali intermedie come accade a moltissimi altri molluschi marini. Nei polpi a uova piccole come il polpo comune, tuttavia, i neonati attraversano una fase planctonica prima di acquisire lo stile di vita bentonico.

Che ne e’ dei genitori? subito dopo l’accoppiamento questi animali, che fino ad allora si sono accresciuti a una velocita’ incredibile raggiungendo anche i tre metri di diametro in tre anni nel polpo gigante del Pacifico, cominciano una fase di senescenza, per poi morire dopo poche settimane in media ad un anno, massimo due di eta’. Innanzi tutto smettono di nutrirsi. Poi la pelle intorno agli occhi si ritrae (sara’ l’equivalente delle nostre rughe?), i movimenti si fanno scoordinati, le ferite non guariscono, compaiono malattie. Non si sa perche’ questo accada, ma e’ un fenomeno comune in tutti e tre i Coeloidea, seppie, polpi e calamari (incluso quello gigante di 18 m, a quanto pare!), mentre non avviene nel nautilo, il loro primitivo cugino, che continua felicemente a riprodursi per anni. Cosa scateni il processo di senescenza e’ ancora ignoto, come pure appare incomprensibile come mai questi animali si giochino il tutto e per tutto, crescendo il piu’ rapidamente possibile, diventando superintelligenti per poi riprodursi una sola volta, in alcune specie solo con poche centinaia di uova. Che sia un prezzo da pagare per aver perso la conchiglia (prima o poi senza guscio ti mangiano, quindi mettiti nelle condizioni di riprodurti con successo almeno una volta)?

Il meccanismo indubbiamente, qualunque sia la causa, funziona, visto che i polpi sono in giro da almeno 200 milioni di anni. Rimane pero’ il fatto che probabilmente non capiremo mai a fondo queste creature cosi’ “aliene” rispetto a noi.

Published by tupaia on ottobre 25th, 2008 tagged invertebrati, marini, predatori


26 Responses to “Tutti gli animali sono diversi, ma alcuni sono piu’ diversi degli altri: i polpi”

  1. falecius Says:

    Che storia triste!

  2. NetWorm Says:

    …mah, a me è venuta fame.

  3. tupaia Says:

    Oggi a pranzo ho mangiato polpi crudi, ma con parecchi rimorsi ;-P

  4. falecius Says:

    “uno dei primi gruppi di celenterati moderni apparsi tra l’Ordoviciano e il siluriano”
    Vuoi dire di cefalopodi?

  5. tupaia Says:

    falecius: si, infatti volevo dire cefalopodi, grazie, ora correggo

  6. Mr. Tupaia Says:

    Mi sto ancora riprendendo dallo choc derivante dalla scoperta che per quarant’anni ho allegramente mangiato pisello di polpo in insalata, crudo e al sugo.

  7. falecius Says:

    Su questo post avrei un sacco di domande da fare, in realtà. Ad esempio, esistono differenze note di intelligenza tra le diverse specie di polpi?
    Si sa, dal punto di vista genetico, cosa causa l’invecchiamento post-riproduttivo (se un gene solo o tanti diversi, tipo) e se sia connesso a qualche altra caratteristica (posto che un gene, da quanto ne ho capito, codifica una proteina, non in modo diretto un carattere dell’organismo)?
    Non escludo altre questioni in seguito.

  8. tupaia Says:

    Si, una delle specie piu’ inteligenti e’ il polpo gigante del pacifico. Tuttavia il problema e’ che gli esperimenti vengono condotti per lo piu’ su 2-3 specie americane e sul polpo comune che vive in mediterraneo, quindi in realta’ non si sa molto degli altri, soprattutto quelli abissali.
    Sulla senescenza non si sa neanche esattamente cosa la provica. wiki dice che dipende dal secreto delle ghiandole orbitali, ma non da referenze e non ho trovato cenni di questa cosa in alcuna altra fonte, quindi e’ da prendere con le pinze. Sulla tipizzazione genetica non sono al corrente di studi in questo senso, quindi non sono in grado di risponderti, purtroppo. Per altre domande sono a disposizione, se so risponderti

  9. Adriano Says:

    I tuoi post sui polpi hanno dato il colpo di grazia definitivo ai miei piatti a base di polpo (già l’insalata non mi piaceva molto prima e da qualche anno mi dispiace mangiarli). Quest’estate a uno che ha messo la mano nella tana un polpo ha fatto un taglio così profondo che stavo svenendo io per tutto il sangue che gli è uscito.
    Li considero come i datteri di mare, il tartufo e le aragoste: piacciono solo perché sono rari o strani ma in cuor proprio tutti preferirebbero un piatto di pasta al forno. L’insalata di polpi nei ristoranti è ancora più buona: ha minimo tre giorni e una fantastica patina di microflora (e probabilmente anche di consumatori secondari) in superficie.

  10. tupaia Says:

    Adriano. tutto vero. Io pero’ non sono ancora fuori dal tunnel del polpo crudo, non riesco a resistere se ne vedo uno. E’ l’unico modo in cui li mangio.

  11. Palmiro Pangloss Says:

    @Adriano: sfiori la blasfemia.

  12. Stefano Says:

    Io essendo amante di frutta, verdura, funghi e animali terrestro-avicoli, mentre invece mal tollero l’ittiofauna se non in determiante situazioni, per cui di fatto sto combattendo l’estinzione dei polpi.
    Dopotutto, sono uomo di valle e di rupe e poi i polpi sono diventati una delle mie creature preferite…

  13. Stefano Says:

    Prego, non badate alla sintassi della frase sopra …

  14. manuel Says:

    voglio un polpo…sarà tanto pericoloso prendere un polpo dagli anelli blu?lo vendono a 30 euro. Non pensavo si potessero vendere animali così pericolosi.

  15. tupaia Says:

    manuel: sospetto che la tossina sia di origine batterica. probabilmente gli animali allevati in cattivita’ sono innocui

  16. Paola Bressan (il colore della luna) Says:

    Ma che bello questo blog, scrivi divinamente. Uhm, volevo suggerirti di specificare, nella didascalia della foto del polpo mimo, che si tratta di una simpatica imitazione in plastilina. Qualche lettore potrebbe pensare che quello è un vero polpo mimo che si produce in un’imitazione della mano su cui sta! Ciao e complimenti.

  17. tupaia Says:

    quella e’ una buona foto che rende il concetto. Un polpo ben mimetizzato e’ invisibile e sembra la foto di uno scoglio. Un polpo non mimetizzato non rende il senso. Comunque accolgo il suggerimento e cambio la foto, a scanso di equivoci

  18. tupaia Says:

    Paola: ho visto il tuo blog e il tuo lavoro mi sembra molto interessante, complimenti. Cerchero’ di procurarmi una copia del tuo libro quanto prima. La spiegazione sul perche’ gli animali hanno la pancia bianca mi sembra pure affascinante, anche se -a mio modesto parere- c’e’ dell’altro: mi sembra inutile sprecare energie per la fabbricazione di melanina per parti non in vista, esattamente come accade per gli animali fossori che perdono il pigmento. Ci sarebbe altro ancora, ma magari prima leggo quello che hai scritto tu in proposito.
    Mi chiedevo: riesci a dare una spiegazione per la pancia nera del criceto comune? Qui ci siamo lambiccati invano il cervello…

  19. Paola Bressan (il colore della luna) Says:

    Giusta osservazione: però possiamo mettere una contro l’altra le due ipotesi. La spiegazione del countershading in termini di mimetismo predice che individui countershaded (in cui cioè le parti del corpo più illuminate sono più scure) vengano predati meno di individui uniformi o a countershading rovesciato. La spiegazione in termini di spreco energetico invece predice che non ci siano differenze. I dati mostrano che l’ipotesi giusta è la prima (es. Rowland et al., Animal Behaviour, 2007, 74, 1249-1258).
    Nel caso del criceto, che è attivo al crepuscolo o di notte, uhm. Se una funzione ce l’ha, la pancia nera potrebbe essere dovuta a:
    (a) inutilità di mimetizzare la pancia, la quale, dato che il criceto ha zampotte corte, risulta in pratica invisibile. Questo vale solo se assumiamo che il colore del dorso riduca la visibilità ai predatori in condizioni crepuscolari.
    (b) termoregolazione. Tener calda la pancia, dice mamma criceto.
    (c) protezione dall’abrasione. Alcuni hanno suggerito che la melanina renda le piume (e altri han suggerito che la cosa potrebbe essere estesa alla pelle) più resistenti all’abrasione. I criceti fanno un gran grattare contro terra compatta, specie con la pancia, nei loro tunnel sotterranei… Proteggere la pancia, dice mamma criceto.
    Le mamme sono tutte uguali :-)

  20. tupaia Says:

    Paola: interessante. Potresti mandarmi un pdf dell’articolo che citi? Quindi in teoria, per fare un esempio, i Mus musculus che sono di colore uniforme dovrebbero essere predati di piu’ degli Apodemus sylvaticus, che hanno il countershading. Ma allora, la selezione naturale non avrebbe dovuto favorire la pancia bianca anche ai Mus, laddove le due specie condividono lo stesso habitat? Ma sopratutto: un gufo che arriva dall’alto, nota la pancina bianca dell’Apodemus, di notte?

    Per il criceto: si era fatta l’ipotesi opposta, e cioe’ che il criceto comune, a differenza delle altre specie di criceto tipo quello siriano che e’ uniformemente dorato, passa piu’ tempo degli altri in piedi e quindi deve mimetizzare la pancia. Il countershading a questo punto ci starebbe bene perche’ sarebbe nero e marrone, ma allora perche’ cio’ non accade alle altre specie di criceto (quello roborowsky ad esempio ha la pancia bianca)?
    Bho, magari dipende dal tipo di predatore…
    le ipotesi b e c mi sembrano meno interessanti perche’ i criceti sono notturni e scavano nel loess, che e’ terra molto morbida.
    Grazie per questa chiacchierata che trovo molto stimolante

  21. Paola Bressan (il colore della luna) Says:

    No, non è che le specie countershaded sono meno soggette a predazione di quelle uniformi. L’utilità del countershading dipende, come giustamente osservi, dall’interazione fra habitat (incluse le caratteristiche dell’illuminazione) e predatore. Il punto è diverso, e mi spiego meglio. Immagina di prendere una specie countershaded (nella quale quindi si presume che il countershading si sia evoluto a scopo mimetico) e di preparare dei finti esemplari. Alcuni li pitturi countershaded, proprio come in natura; alcuni uniformemente chiari; alcuni uniformemente scuri; ed alcuni con countershading invertito. Poi li presenti al predatore naturale di questa specie. Beh, gli esemplari countershaded vengono attaccati meno degli altri.
    Ti mando per email il pdf del lavoro di Rowland e colleghi, che hanno presentato, a merli veri, bruchi finti di farina e lardo (slurp) dipinti con coloranti alimentari. E poi dicono che gli esperimenti scientifici non sono divertenti.

  22. tupaia Says:

    Paola: quello che non capisco e’ perche’ dici: “possiamo mettere una contro l’altra le due ipotesi”. Non mi e’ chiaro cioe’ perche’ le vedi come contrapposte e non come complementari. Io penso che il countershading possa spiegare alcune cose, ma non tutte (dipendendo appunto da luce, sensi del predatore, habitat etc). Per il lavoro di Rowland, l’indirizzo che appare sul blog e’ valido, grazie.

  23. Paola Bressan (il colore della luna) Says:

    beh, in generale è giusto che ci possano essere spiegazioni tutte contemporaneamente valide, ma in questo caso la contrapposizione la vedo così: o il countershading è un sottoprodotto dell’inutilità di scurire la pancia, o è prodotto attivamente a scopo mimetico. Nel primo caso, non si vede perché i bruchi countershaded debbano essere predati di meno.
    il lavoro di Rowland con i bruchi te l’ho mandato un paio d’ore fa, ricevuto?

  24. tupaia Says:

    Ricevuto, grazie, ti ho risposto. Io non vedo alternativa nelle due ipotesi

  25. Polpi?! Sì, polpi! « Chez Morgenstern Says:

    […] questo blog sto postando di tutto e di più, senza limiti di criteri e tematiche, oggi vi riporto questo interessante articolo su… i polpi! Giuro che è più interessante di quanto non possa […]

  26. Optical Camouflage: natura, scienza, fantascienza | Lega Nerd Says:

    […] Luce – galassiere.it – repubblica.it – misteroonline.com – repubblica.it – punto-informatico.it – lorologiaiomiope.com Tweet Follow @leganerd Cultura, Natura, Scienze, Tecnologie camaleonte (2), […]

Leave a Comment