Per rinfrancar lo spirito tra una bestiaccia e l’altra…

… segnalo questo sito esilarante
www.curioustaxonomy.net/

in cui si elencano i piu’ bizzarri nomi scientifici dati ad animali e piante.

I mie preferiti sono:

  • Phthiria relativitae Evenhuis, 1985 (bombyliid fly) Since reclassified in the genus Poecilognathus (si legge, con la pronuncia americana “teoria relativitatae”
  • Ohmyia omya Thompson, 1999 (syrphid fly) (“Oh my” e’ un’escalmazione molto usata negli USA, abbreviazione di Oh my god, mio dio)
  • Agra vation Erwin, 1983 (carabid) (si pronuncia come Aggravation)
  • Cyclocephala nodanotherwon Ratcliffe (scarab) (pronunciato come “not another one!”, non un altro!)
  • Vini vidivici Steadman & Zarriello, 1987 (a recently extinct parrot from the Marquesas Islands)
  • Ytu brutus Spangler, 1980 (water beetle) “Ytu” comes from the local (in Brazil) word for waterfall. (pronunciato, ovviamente, “You too Brutus”, (anche tu, Bruto)
  • Foadia Pakaluk, 1985 (beetle) FOAD is an acronym for “F*** Off and Die.” (Fanculo e muori)
  • Colon rectum Hatch, 1933 (leiodid beetle) Also Colon grossum Hatch, 1957, Colon monstrosum , and others.
  • Kamera lens Woodcock, 1917 (protist)
  • Naja naja naja (Sri Lankan cobra) – shortest trinomials. (questa fa piu’ ridere noi italiani che gli americani)
  • Brachyta interrogationis interrogationis var. nigrohumeralisscutellohumeroconjuncta Plavilstshikov, 1936 (cerambycid) (record di lunghezza)
Published by tupaia on luglio 3rd, 2008 tagged deliri, tassonomia


2 Responses to “Per rinfrancar lo spirito tra una bestiaccia e l’altra…”

  1. Marghe Says:

    Ciao Tupaia ^__^

    E’ la prima volta che vengo sul tuo sito e sarà il quarto aritcolo che leggo. Per ora non mi sono informata abbastanza sugli argomenti per poterli commentare in tutta tranquillità, ma qui ho scovato un piccolissimo errore!
    Infatti, nel quarto animalozzo che hai inserito nella lista, tale Cyclocephala nodanotherwon, la pronuncia esatta sarebbe “not another one” non “not another worm” dunque “non un’altro” invece che “non un’altro verme”. Mi scuso se mi sono permessa di correggere un così piccolo errore..

    Torno a studiare Eto-Ecologia degli Animali Acquatici, che è poi la serendipity grazie alla quale ho trovato questo meraviglioso sito.

    Un saluto
    Margherita

  2. tupaia Says:

    Margherita: in effetti hai ragione, grazie per avermelo fatto notare, ora correggo

Leave a Comment