Lo spammer (Rompiballe bastardus)

Vista l’infestazione di numerosi esemplari di questo animale sul blog, e’ il caso di introdurre finalmente gli usi e i costumi di questo parassita.

Lo spammer e’ un parassita alloctono, proveniente in genere dall’ex-URSS o dai paesi dell’Est ed importato accidentalmente in tempi piuttosto recenti da navigatori che non prendono eccessive precauzioni, dal non prendere la pasticca di chinino settimanale al trascurare il loro firewall.

Questa poco simpatica bestiolina, infatti, si nutre principalmente di polli, ma non disdegna il consumo di Gigabite altrui appena ne ha l’occasione. In generale se ne resta acquattato sotto un rack, aspettando il momento giusto per passare attraverso i filtri dell’ospite. Dopidiche’, appena entrato nell’apparato postale del malcapitato, si insinua emettendo il suo richiamo tipico: Cialis! Cialis!

Il suo sistema di riproduzione e’ pure alquanto singolare: depone le uova nelle liste di indirizzi piu’ disparati, aspettando che le stesse si vengano a trovare al giusto livello di maturazione e compravendita in nero. Non appena le condizioni sono mature le uova, dall’aspetto di orologi-patacca e pillolette blu, si disperdono schiudendosi in tutta la lista.

Sfortunatamente lo spammer ha pochi nemici naturali, dal momento che nel suo luogo di origine, le Isole Cayman, la Russia, la Thailandia, non si son evoluti predatori.

Per difendersi e’ pertanto necessario utilizzare un firewall da guardia con i canini ben affilati, o tenere ben puliti i filtri. Cio’ tuttavia non e’ senza controindicazioni o effetti collaterali: a volte, per difendersi dagli spammer, si rischia di danneggiare o eliminare specie simbionte o innocui commensali come i commentatori dei blog.

Published by tupaia on novembre 16th, 2007 tagged deliri


7 Responses to “Lo spammer (Rompiballe bastardus)”

  1. madscientist Says:

    Si tratta di un animale estremamente fastidioso che, purtroppo, non è assolutamente a rischio di estinzione…
    Non saprei in quale philum metterlo

  2. tupaia Says:

    Si, lo so, e’ un post sottotono, ma con una connessione che va a vapore ogni tanto capita di incazzarsi per gli spammer.
    Il prossimo post ce l’ho gia’ pronto (nella testa) e sara’ (spero) molto piu’ carino, devo solo mettermi e scriverlo, se la connessione collabora

  3. madscientist Says:

    A me capita da un bel po’ di incavolarmi con gli spammer, in particolare sono un paio di settimane che ricevo spam a colazione, pranzo e cena.

  4. falecius Says:

    Eddai, scrivi qualcosa!
    Attendiamo con anzzzzia!

    P.S. Sai nulla della Scuola orientale di Londra? Stavo ponderando di chiedere il dottorato lì.

  5. tupaia Says:

    Falecius: ci provo a scrivere, ma da quando ho problemi di connettivita’ spesso mi passa la voglia, tra spammer e lentezza.
    No, non conosco la scuola che dici, spero che il preside non sia Abu Anza (o come cavolo si scrive) ;)

  6. Dimitri Says:

    Cari “spammati” vi racconto la mia personale esperienza.E lo faccio da ex (sono circa sei mesi che la posta elettronica è pulita). Ho sempre adoperato un programma di posta elettronica poco usato come Eudora light. Orbene, questo programma salva tutti gli attach in una apposita cartella; cercando alcune immagini che un amico mi aveva inviato, ho scoperto che la stessa era piena di .gif, .pdf etc che proponevano quanto tutti conosciamo. Dopo aver pulito tutto il contenuto di questa cartella, gli spam sono scomparsi. Come se fossero virus autoreplicanti, come se fosse il contenuto della cartella che replicava le mail sgradite. Come antivirus uso un software gratuito come AVG. Le mie conoscienze informatiche non sono “professionali” e non posso sapere se gli aggiornamenti dell’antivirus sono stati più importanti della mia opera di pulizia. Comunque ora aprire la posta è un piacere, 5 mail sono 5 mail autorizzate. Fatemi sapere.

  7. Angelica Says:

    A parte il bellissimo post sullo strano parssita spammer, consiglierei a Dimitri di provare a cambiare indirizzo di posta e usare definitivamente Gmail :D risolverebbe tutti i problemi senza doversene troppo curare ;-)

Leave a Comment