Dumb and proud of it!

Evviva! Quest’anno anche la ZSL (l’ente dove a volte siedo le terga) ha vinto un premio Ig Nobel per uno studio sugli sputi delle balene. Questo il comunicato ufficiale

A novel research technique that uses a remote-controlled helicopter to carry out whale health checks has been awarded one of the 2010 Ig Nobel Prizes.

 Dr Karina Acevedo-Whitehouse from the Zoological Society of London (ZSL) and Dr Diane Gendron from CICIMAR at the Mexican National Polytechnic Institution came up with the idea of using a remote-controlled helicopter as a non-invasive method for collecting samples of whale blow to monitor the health of individual whales.

The technique involves flying a remote-controlled helicopter above a whale as it surfaces and catching the whale blow in petri dishes attached to the underside of the helicopter.  The researchers then analyse the samples for any pathogens.

This unique sampling method allows the researchers to assess the impact of respiratory diseases on whale populations.

The Ig Nobel Prizes honour achievements that first make people laugh, and then make them think. The prizes are intended to celebrate the unusual, honour the imaginative — and spur people’s interest in science, medicine, and technology.

Published by tupaia on ottobre 6th, 2010 tagged annunci, auguri, mammiferi, marini, ricerca


4 Responses to “Dumb and proud of it!”

  1. walter Says:

    Complimenti!
    Dovresti essere ancora più contenta, perché anche lo studio sui pipistrelli zozzoni, di cui tu avevi fatto un bel post qualche tempo fa, ha vinto un IgNobel quest’anno. :-D

  2. tupaia Says:

    Contentissima. Magari un giorno riesco ad averne uno io per uno studio sugli scoiattoli che si grattano il sedere ;-D

  3. Mario Says:

    Complimenti ! Pensa che avevo appena pubblicizzato anch’io i premi IgNobel sul mio blog, ovviamente senza sapere che il tuo ente di ricerca era coinvolto. Ma ho anche sottolineato che uno dei Premi Nobel per la fisica di quest’anno, Andre Geim, era stato premiato con l’IgNobel nel 2000. Quindi aspettatevi soddisfazioni ben maggiori tra una decina di anni…

  4. Marco Ferrari Says:

    Sai che non capisco perché l’IgNobel? A me non ha fatto ridere, mi sembrava un’ottima idea per analizzare la salute delle balene.

Leave a Comment